Core: sforzo isometrico o dinamico?

Quale è il giusto allenamento per il Core?

Molte persone del settore sostengono che l'esecuzione di esercizi con sovraccarichi composti come squat e stacchi è sufficiente per attivare il core, ma gli autori sostengono che un allenamento isometrico è superiore per creare una stabilità tridimensionale della colonna vertebrale. Mentre questi esercizi composti richiedono l'attivazione sostanziale della muscolatura del core, la stabilità viene messa alla prova principalmente sul piano sagittale: molti gesti atletici implicano la stabilità sui piani frontali e trasversali; si consideri un giocatore di football che scatta di 5 yard in avanti e svolta prepotentemente a sinistra.

Se la rigidità del core laterale è insufficiente, le perdite di energia che causano instabilità al tronco compromettono la velocità e aumentano il noto meccanismo di lesione [dovuto alla] flessione della colonna vertebrale sotto carico e l'aumento del valgo del ginocchio. In sostanza, quando manca una sufficiente rigidità del core, il movimento dell'atleta diventa inefficiente e si manifesta con decrementi delle prestazioni e un aumento del rischio di lesioni."

Sforzo isometrico o dinamico: I risultati suggeriscono che l'allenamento isometrico del core è superiore all'allenamento dinamico per migliorare la rigidità del core. Una migliore rigidità del core consente alla colonna vertebrale di sopportare carichi maggiori ed esprime un maggiore atletismo distale degli arti. Il prossimo passo sarebbe esaminare gli specifici cambiamenti delle prestazioni atletiche.

Quindi, se dovessimo scegliere di allenare il core solo dinamicamente o solo isometricamente, secondo questo discorso sarebbe meglio la seconda opzione. Il punto è che il discorso è orientato sulla preparazione atletica per determinati sport, facendo l'esempio di uno sport da contatto e con cambi di direzione. Quindi non è rivolto proprio a chi si allena in stile bodybuilding o fitness.

Ad ogni modo l'estrapolazione potrebbe essere dicotomica, nel senso che allenare il core in modalità isometrica non preclude la possibilità di allenarlo anche in maniera dinamica. In questo discorso semplicemente si puntualizza che l'allenamento isometrico può essere più protettivo per la spina, ma non significa che l'allenamento dinamico non debba essere fatto.

Sforzo isometrico o dinamico? abbastanza scontato che squat e stacchi non sono buoni perlomeno per il core anteriore per ovvi motivi biomeccanici, quindi si richiede uno stimolo diretto con esercizi mirati. Questo falso mito era stato ben spiegato da Nick Tumminello in un interessante articolo  E' interessante notare che nello stesso articolo,  l'autore critica proprio l'eventuale estrapolazione dicotomica del "solo esercizi isometrici per il core", invitando a stimolare questo gruppo anche in maniera dinamica per benefici complementari:

"Questa non è un'opinione; è basata sul principio di specificità - un principio di allenamento universale, che impone che gli adattamenti all'allenamento siano specifici alle esigenze che l'allenamento pone al corpo. In altre parole, se vuoi fare tutto il possibile per migliorare la funzione dei muscoli del core per trasferire la forza limitando il movimento del tronco, dovrai usare usare alcuni esercizi di base isometrici. E, se vuoi fare tutto il possibile per aiutare a migliorare la funzione della muscolatura del core per produrre forza creando il movimento del tronco, dovrai usare alcuni esercizi di base dinamici." 

X info e consulenza in pvt