BRACCIA CADENTI

BRACCIA CADENTI .

La lassità delle braccia è un fastidioso inestetismo. Con l’avanzare dell’età anche le braccia perdono la loro tonicità. Si tratta delle tanto temute braccia flaccide. La pelle tra le ascelle e il gomito diventa cadente e priva di tono, causando grinze ed uno sgradevole effetto ad “ali di pipistrello”. Ciò si verifica perché in questa zona la cute è molto sottile, e quindi poco elastica e collagenica. Le cause della lassità delle braccia sono principalmente due.

Innanzitutto la magrezza: lo svuotamento eccessivo determina un indiretto eccesso cutaneo che si evidenzia con cute cadente e piccole rughe superficiali. Insomma, le braccia flaccide dopo il dimagrimento sono un classico. E poi, l’invecchiamento: la riduzione del collagene e delle fibre elastiche tipici dell’avanzare dell’età riducono la tensione in questa zona delle braccia, determinando rughe prima e lassità poi. All’invecchiamento cutaneo, ovviamente, come in tutte le altre parti del corpo (compreso il volto), è legata anche una riduzione dei volumi delle ossa e dei muscoli, che contribuisce alla formazione di rughe e lassità.


Il grasso localizzato nella zona tricipitale del braccio è diffuso soprattutto nella popolazione femminile. Per rimuovere questo fastidioso effetto di "braccia cadenti" è necessario aumentare il volume del muscolo e diminuire il grasso

BRACCIA CADENTI:Innanzitutto, il peso non costante: rapidi dimagramenti alternati a rapidi aumenti di peso possono provocare lassità delle braccia. Anche l’inattività fisica è un fattore importante, così come l’abitudine di fumare. Infine, un’alimentazione povera di proteine, che invece non devono mancare dalla tua dieta, perché fondamentali per la salute dei muscoli.

per braccia scolpite e toniche da eseguire almeno 3 volte a settimana. Sii costante e, nel giro di qualche settimana, vedrai i risultati.

Inizia un percorso seguita da un personal trainer , per pianificare il tuo lavoro e ottimizzare i risultati in tempi brevi…    allenamento pesi ??   si   si  si  e si…

Devi decidere tu il peso perché la cosa importante per sviluppare i muscoli sono le ripetizioni. L’ultima ripetizione deve essere faticosa, cioè devi sentire il muscolo lavorare. Se questo non succedere, significa che non lavori bene. L’allenamento prevede esercizi per bicipiti e tricipiti, alzate laterali per scolpire i muscoli delle spalle, distensioni e french press per i tricipiti,

 

Braccia cadenti…Ecco alcune dritte :
Eseguire esercizi efficaci: va bene lavorare ai cavi e con pesetti ma prima bisogna lavorare con esercizi che coinvolgano il tricipite in modo completo ed efficace, quindi vanno bene le Dip, i piegamenti sulle braccia, la panca stretta con bilanciere e la french press .
Per stimolare il muscolo sono necessari carichi medio-pesanti, quindi no ai pesi leggerissimi .
Aumentare la frequenza di allenamento dei tricipiti a circa 2-3 volte la settimana in base all'allenamento che si sta effettuando .
Abbassare le calorie nella dieta per diminuire la massa grassa .

X info e preparazioni personalizzate contattare in Pvt